martedì 28 novembre 2017

I primi 6 anni del Blog

Accidenti quanto tempo è passato!!!

Sembra ieri che, dopo giorni e giorni spesi a capire come funzionasse Blogger, finalmente, ho pubblicato il primo post "La tegolina di Anagni".

Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, sono arrivate cose belle e anche cose molto brutte, ma la vita continua ed è sempre in movimento!
Ho iniziato con le tegoline di argilla ma ho cambiato subito direzione e materiale quando ho scoperto la pasta di mais imbattendomi nel blog della mitica Sonia de La Bottega delle Fate.
Ho cercato ispirazione ovunque sul web, ho "prodotto" qualcosina ma, forse, non era il mio materiale.
Ho continuato a cercare e cercare e ho voluto provare la pasta polimerica, QUI trovate la prima creazione con questo materiale, se avete voglia di farvi 2 risate!!
Mi sono trovata molto meglio che con la porcellana fredda e quindi diciamo che la polymerclay è il mio secondo materiale preferito.
Sempre girovagando per il web in cerca di ispirazione e tutorials, mi sono resa conto che nei siti che parlavano di pasta polimerica si trovano montagne di oggetti e gioielli realizzati con fili metallici, dal Rame, all'Argento, al Bronzo e altri metalli, ai quali vengono associati sia perle e/o cabochons in pasta polimerica che in pietra dura semipreziosa o addirittura preziosissima!!! 
Ed è così che ho conosciuto la mia amica Susanna di Valdombra Fairies, persona meravigliosa, artista poliedrica alla quale mi sono molto affezionata!
Ma anche l'inimitabile e inconfondibile Nicole Hanna, grazie ai suoi tutorials ho imparato moltissimo!!!
Inutile dire che mi "è partita la brocca" per il WIREWRAPPING!!! 
Ho comprato il filo di rame argentato e le chips di pietre dure. Il primo oggetto che ho realizzato è stato un Albero della vita con chips di Corniola e mi viene da sorridere confrontando quelli di 6 anni fa con quelli realizzati adesso, come ad esempio il Cuore con Albero della Vita, stranamente dinuovo in Corniola 😂

2011
2017
Per non parlare poi delle fotografie!!!! Non che sia diventata una fotografa professionista, ma vuoi mettere le foto del 2011 con quelle di oggi??!!

Lo ammetto, sono stata molto discontinua, un po' per pigrizia, un po' perchè la vita non aspetta nessuno, va avanti per la sua strada a testa bassa e non sempre si riesce a stare al passo portandosi appresso pacchi, pacchetti e pacchettini, qualcosa si deve necessariamente lasciare da parte. Magari con la speranza di porterla riprendere più avanti!
E' così che succede a me! SEMPRE!!
Se fossi stata più costante, più produttiva, se avessi sperimentato di più, se avessi imparato di più... magari adesso potrei vivere di questo!!! Ma anche no 😂😂!!

Dal 2012 la mia vita ha deciso di mettermi ancor più pesantemente alla prova, in poco tempo mi sono crollati i punti di riferimento e ho dovuto cominciare a rivedere il mio futuro.
Così nel 2014 ho lasciato Roma, la casa in cui sono nata, la famiglia, gli amici e il lavoro per trasferirmi a più di 800 km di distanza, in Piemonte, con un obiettivo ben preciso!!!
Credo che in parecchi abbiano pensato che ormai fossi andata fuori di testa!! Magari lo pensano ancora!

L'obiettivo era: acquistare una cascina in campagna, aprire una piccola azienda agricola e farne, se possibile, un piccolo agriturismo!!

Quindi capirete perchè non riesco ad essere costante con blog, bijoux e quant'altro!

Io e il mio compagno abbiamo passato gli ultimi 2 anni a cercare il posto adatto. 
Contemporaneamente cercavamo di capire perchè in questo paese sia tutto così difficile! Perchè nessuno è mai disposto a dare tutte le informazioni necessarie e corrette? Sembra proprio che non vogliano aiutarti!! Anzi se possono ti remano contro!!!

Comunque a dispetto di tutto e di tutti, alla fine, la Dea bendata ha sollevato un lembo della benda e ci ha visti!!!
Abbiamo trovato la proprietà da acquistare e, anche se non ha la quantità di terreno che avremmo voluto, per iniziare è l'ideale!!

Alla fine dell'anno scorso mentre aspettavamo il colpo di fortuna,  mi sono detta: "magari mi dedico un po' al blog".
Gli ho rifatto il look, tolto cose vecchie, aggiunto cose nuove come l'affiliazione a Perles&Co

Accueil

Ho aperto una pagina Facebook, e una su Instagram, sono su Pinterest, ho prodotto qualche "bell'oggettino" e ne ho anche venduti un bel po'. Pensavo di ripartire alla grande e invece mi sono fermata dinuovo perchè finalmente iniziava a concretizzarsi il nostro progetto!!!
E quindi mi sono concentrata sull'acquisto della casa e sul trasloco (il 2°, e spero l'ultimo, in 2 anni).
Fortunatamente abbiamo dovuto dare solo una rinfrescata alle pareti e ci siamo stabiliti qui dal 4 luglio, giorno del compleanno di mia sorella!!

Pochi giorni dopo sono arrivati loro, poco meno di 2 mesi di vita


Fratello e sorella, due cuccioli meticci di cane da pastore taglia media (almeno spero, perchè ho visto solo la madre non so quanto fosse grande il padre), nati in canile l'11 maggio 2017, li abbiamo scelti tra 8 fratelli e sorelle quando avevano poco meno di 1 mese

 


Ares, il maschio, è quello bianco e marrone e Diana è la femminuccia nonchè CAPOBANDA!!
Due batuffoli meravigliosi che crescono molto in fretta ahimè!!
Abbiamo scelto, fin da subito, un'alimentazione naturale ovvero la BARF, "Bones and Row Food" o anche "Biologically appropriate row food".
Ad inizio anno con la prospettiva di acquistare una cascina e prendere dei cani, avevo letto alcuni libri sui cani e sull'allevamento naturale, primo fra tutti quello della dottoressa Jutta Ziegler "Il libro nero dei veterinari" che consiglio caldissimamente (parla anche di gatti).

Il Libro Nero dei Veterinari
La medicina che fa ammalare gli animali
Voto medio su 17 recensioni: Da non perdere
€ 12.9

 Mi ha aperto un mondo e abbiamo voluto approfondire leggendo anche il secondo libro della dottoressa


e qualche altro libro come ad esempio questo, ma ce ne sono tanti altri

La Dieta BARF per Cani
Manuale di Alimentazione Naturale con tabelle e piani alimentari

Intanto abbiamo cercato un veterinario/a che fosse specializzato in questo tipo di alimentazione che ovviamente va di pari passo con l'omeopatia e l'abbiamo trovata.
Ora i miei piccolini hanno quasi 7 mesi, pesano circa 16 kg lui e 14 lei, sono bellissimi, sanissimi e dolcissimi... e anche monellissimi!!!😂😂



Nel frattempo sono anche riuscita ad aprire la partita IVA per l'azienda agricola e vedremo cosa ci porteranno i prossimi 6 anni!!

VOGLIO RINGRAZIARE E ABBRACCIARE le persone che non hanno mai abbandonato questo blog nonostante fossi come la Cometa di Haley nel postare!!😁

Carmen del blog Bilibì e In cucina con Bilibì, sempre presente anche se posto dopo mesi di silenzio ha sempre una parola gentile. Persona formidabile, adoro la sua ecletticità e l'organizzazione con la quale riesce a fare mille cose contemporaneamente e tutte benissimo trovando anche il tempo per leggere e condividere il suo pensiero.
Dalla cucina, alla pittura, alla creazione con mille materiali differenti, al riciclo e alla fotografia!!

Aldina di Creazioni e manufatti di Aldina, che ho avuto la fortuna di conoscere a Roma (abitavamo vicine e non lo sapevamo) della quale mi colpisce la curiosità, la determinazione e la voglia di sperimentare sempre e mettersi in gioco, con risultati fantastici

Susanna di Valdombra Fairies, un gran personaggio, alla quale invidio lo spirito libero oltre a quelle  manine che sanno trattare pietre e metallo con amore e rispetto. Ma essendo un'artista a tutto tondo, non posso non includere i suoi dipinti e sopratutto i suoi racconti, uno dei quali, IL DONO, è stato recentemente pubblicato ed è in vendita su Amazon, ovviamente io l'ho preso al volo!!
Andate a dare un'occhiata è un mondo fantastico da cui non vorrete mai più uscire!!!

Fabiana di Il cassetto dei sogni, con le sue creazioni in porcellana fredda e altri materiali. Adoro le sue roselline!!! E' sempre pronta a farmi i complimenti anche quando non li merito :)

Grazia di Magike Mani, con i suoi splendidi lavori in Rame è fonte inesauribile di informazioni e ispirazione!!

Ringrazio anche tutte quelle persone, magari proveniente da Pinterest o Instagram, che sono passate anche solo una volta lasciando un commento o anche no!!!

E ovviamente un ringraziamento speciale a chi mi ha spinto ad esprire la mia creatività (seppur saltuariamente) e che mi è vicino tutti i giorni, mi aiuta sia che stia bene sia che stia male e mi sostiene quando mi metto in testa qualcosa! 💖💖💖



domenica 23 aprile 2017

Bracciale Viking Knit in Rame e wirewrapped charm con "Pandora Pettinata"

La maglia vikinga o Viking Knit è una delle mie tecniche preferite, infatti sto facendo delle ricerche perchè pensavo di scrivere una mini serie di posts sull'argomento, magari  con un paio di tutorial.
La maglia vichinga si presta a infinite applicazioni ed è possibile realizzarla con infinite varianti e non soltanto di colore o materiale.
Ne parlerò meglio più avanti!!

Nel post precedente avevo realizzato un bracciale in Ottone, in cui il bracciale in viking knit costituiva i 2/3 dell'insieme e il pezzo centrale o "FOCAL" completava il "giro".

Questa volta ho realizzato una maglia molto meno importante come dimensione, ha un diametro di soli 0,4mm contro i 0,9mm di quello in Ottone, composta da un filo di rame argentato più sottile (0,30mm)  completata con due coni di metallo decorato argentato e due perle di metallo tonde lisce.
La lunghezza del bracciale comprensivo di chiusura è di circa 19cm.



La chiusura con perla di vetro cerato color argento scuro, wrappata in rame argentato e martellata,


prende il posto del focal, mentre il vero protagonista è il charm, non proprio piccolino (3,5x3cm) ma sembra vada di moda così, realizzato con una delle mie perle "Pandora Pettinate", altre due perle di vetro cerato argento scuro e  delle spirali che riprendono il motivo della chiusura.


Altra prospettiva


Il peso complessivo è di 17gr, come per il bracciale in ottone.





Disponibile su Artesanum e Miss Hobby

martedì 11 aprile 2017

Bracciale Viking Knit in Ottone

Rieccomi qua!
Ovviamente non ho ancora finito di fare l'inventario!!!
Non ho molto tempo a disposizione e quello che sono riuscita a ritagliare in questi giorni, l'ho dedicato a questo bracciale in maglia vichinga, o VIKING KNIT, con il suo bel "Centrale" con cristalli sfaccettati color pervinca.



Per questa realizzazione ho utilizzato del filo di Ottone da 0,81mm per la struttura e per gli end caps, ovvero i terminali della maglia vichinga e da 0,40mm per la maglia, che in questo caso (foto sopra) è una maglia singola compatta ma abbastanza ariosa, il suo diametro è circa 0,9mm.
Nella foto qui sotto c'è un altra maglia che ho realizzato per un altro progetto, è sempre singola ma meno fitta di quella del bracciale e il suo diametro è 0,6mm





Ci sono voluti circa 5 metri di filo per la maglia che misura da occhiello a occhiello circa 16cm, ai quali vanno aggiunti i circa 4,5cm del Centrale.




Il Centrale o FOCAL visto al contrario, ovvero con le perle verso l'alto


Il bracciale, nonostante l'aspetto ha un peso complessivo si circa 17gr, leggerissimo!!!

Disponibile su Miss Hobby e Artesanum

venerdì 7 aprile 2017

Come fare l'inventario? Io lo faccio così!!

E' incredibile quanto materiale abbia accumulato!!
Ho trovato cose che nemmeno mi ricordavo di aver comprato!
Ho passato gli ultimi 4 giorni a fare l'inventario!!!
In realtà non ho ancora finito XD ma visto che mi stava venendo benino ho pensato di condividerlo con voi.
Avevo iniziato a tenere un inventario anni fa (2011 per la precisione), utilizzando un foglio excel e in questi giorni l'ho ripescato per vedere se potevo rianimarlo.

Ho fatto qualche cambiamento qui e là e il risultato mi sembra abbastanza funzionale.

Ho utilizzato 8 fogli, per ora :)
  1. Paste Polimeriche e Argilla
  2. Fili metallici
  3. Perle Pietre e Cabochons
  4. Minuteria Catene Cordini
  5. Attrezzi
  6. Colori Colle Vernici Finiture
  7. Materiale per bomboniere
  8. Materiale Vario

Nel primo foglio ho raccolto tutte le paste modellabili, la marca, il codice, il tipo, il peso dei panetti, il fornitore, il prezzo per lotto, il prezzo del singolo panetto e il numero di pezzi in magazzino. 


Ovviamente i fogli sono differenti tra loro, nel primo ho bisogno di avere sotto controllo i pezzi mentre ad esempio nel secondo, cioè quello relativo ai FILI METALLICI, ho bisogno di sapere quanti metri ho a disposizione, quindi al posto della colonna "PEZZI X LOTTO" ho messo "METRI X LOTTO" colonna F :


Su tutti i fogli ho inserito un paio di semplici formule, in base alle quali calcolo automaticamente:
  • il prezzo unitario del singolo prodotto se acquisto lotti, oppure il prezzo al metro a seconda del prodotto (colonna H);

ES: nella foto sottostante, prima riga, ho un lotto di filo di rame del diametro di 0,30mm e della lunghezza di 50 mt, nella colonna G inserisco il prezzo del lotto (in questo caso una bobina da 50mt) e nella colonna H ho automaticamente il prezzo al metro.
  • il numero corretto di pz o mt di prodotto correntemente a disposizione (colonna I e J), basta digitare il numero di pz o i metri utilizzati nella colonna K.

ES: sempre nella stessa foto, ho il mio lotto di filo di rame da 0,30, ne utilizzo 32 metri (colonna K) e automaticamente nella colonna J visualizzo quanti metri ne ho ancora a disposizione



Una ulteriore diversificazione ho voluto farla nel 3 foglio, Perle Pietre e Cabochons, per avere immediatamente idea di cosa sia Vetro, cosa sia Cristallo e cosa sia Pietra dura, quindi ho inserito una colonna CATEGORIA davanti a tutte e ho tolto la colonna del METRI X LOTTO che qui non serviva.


Nel Foglio 4 Minuteria Catene Cordini, sono presenti sia la colonna PEZZI X LOTTO (C) che METRI PER LOTTO (D) e nelle colonne G (PZ) e H (MT) si possono vedere le differenze rispetto alle colonne C e D. Stessa cosa nel foglio 7 MATERIALE PER BOMBONIERE, dove registro sia i pezzi che i metri.


Per ora sono soddisfatta, ma c'è sempre margine di miglioramento...

Spero abbiate trovato questo post interessante!
Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete qualche suggerimento non esitate a scrivermelo nei commenti ;)



venerdì 31 marzo 2017

Orecchini wirewrapped in Rame e cubi di murrine

Se qualcuno di voi si fosse preoccupato perchè non posto nulla da una settimana... rasserenatevi perchè... rieccomi qua!! XDD
Ho avuto un po' da fare con il mio BIG BIG PROJECT!!!

Tra una cosa e l'altra, ho realizzato queste due coppie di orecchini, in filo di rame e cubi di murrine di vetro che avevo nel cassetto da un bel po'!


Qui sopra li vedete entrambi e adesso che guardo bene questa foto... mi sembrano dei cappi da forca!! Vi prego ditemi che non è così!!!
Le misure sono 5,5cm di lunghezza, monachella compresa (realizzata con lo stesso filo di Rame) e la larghezza è 1,3cm.
I cubi misurano circa 0,6mm per lato.


Questi sono realizzati con i cubi trasparenti con fiore celeste e bianco, gli altri montano dei cubi rossi trasparenti con fiore bianco e giallo.


In quest'ultima foto ci sono altri cubi di diversi colori che ancora non utilizzato, sono gli ultimi 6 per tipo ma ne ho svariati di altri colori .


Gli orecchini sono disponibili su Miss Hobby e Artesanum

giovedì 23 marzo 2017

Bracciale in Rame con Agata del Botswana

Questa settimana torno al wirework con questo bracciale, realizzato interamente a mano!!!
Tutto iniziò così 

Riuscite ad immaginare?
Sono 11 fili di Rame, di cui 4 del diametro di 1,02mm e 7 da 0,81mm, e sono anche abbastanza lunghi!!

Per il wrapping ho utilizzato come (quasi) sempre il filo da 0,30mm


E' stato abbastanza impegnativo, ma il risultato mi soddisfa, che ne pensate?






Ed eccolo indossato


Per impreziosire ho inserito dell'Agata del Botswana, una focal rettangolare sfaccettata, molto bella, della misura di 20mm x 15mm e 8 perle tonde lisce da 0,4mm



Proprietà e curiosità sull'Agata del Botswana

L'Agata del Botswana, è una varietà di Calcedonio ed appartiene alla famiglia dei Quarzi.
Viene estratta in Africa dove la chiamano Sunset Stone.
Le leggende dicono che questa pietra riesce a trattenere la luce del sole, così da poterla poi donare alle persone che di sono perdute. Si trova inoltre al centro di molte cerimonie della fertilità, si dice aumenti la possibilità di concepire.
La pietra nasce grazie all'attività di un vulcano, la cui lava scorre in lunghe onde negli strati di roccia più bassi. Si deposita in vari strati e crea questa bellissima pietra, 
I suoi colori variano dal grigio al rosa, ha una struttura striata che potenzia il suo effetto protettivo. Il colore rosa calama i sentimenti, stimola la nascita di nuove relazioni mentre il grigio è il colore della magia, del silenzio interiore che porta alla consapevolezza. Stimola la sensualità e aiuta a superare le angoscie.
Sembra sia la pietra ideale per chi vuole smettere di fumare. Basta utilizzarlo come elisir, metterla per alcune ora in acqua, nella quale infonderà i suoi poteri, e bere l'elisir così ottenuto.
Inoltre sembra agire come protettiva verso chi ha a che fare con il fuoco, tenere un bell'amuleto di Agata del Botswana in casa aiuta a difendersi dagli incendi nati per motivi naturali.
E' un amuleto contro gli spiriti indesiderati. Aiuta a trovare stabilità e aumentare la fiducia in se stessi.
E' un amuleto protettivo per le donne in dolce attesa, dovrà poi passare la bambino quando sarà più grande!

Io non sono un'esperta di gemme nè di cristalloterapia, anche se mi piacerebbe molto e mi sto documentando., ma per ora mi limito a riportarvi alcune curiosità. Ogni pietra ha i suoi poteri, i suoi usi e i suoi bisogni,  vi invito, se volete , ad approfondire!!! 

Disponibile su Miss Hobby e Artesanum

domenica 19 marzo 2017

Poly-Fast per levigare la pasta polimerica

Avevo promesso che vi avrei fatto sapere come si comportava il mio ultimo acquisto, il Poly-Fast per la levigatura della pasta polimerica, ma anche per la pasta di mais (o cold Porcelain) la resina, il legno, il bronzo e molti altri materiali, prodotto dall'azienda Belga Vilain & Fils.

Ecco il mio pacchettino, vediamo cosa c'è dentro 


Ho ordinato il Polyfast, un set di 3 testine di ricambio sulle quali attaccare i vari dischi di carta smeriglio, set da 25 pz di dischetti di varie grane (600-800-1000-1500-2000) e un paio di piccoli donut da 2cm di diametro, Diaspro Paesaggio e Rodonite
La bustina contenente circa 50gr di perline e rocailles è invece un omaggio di Perles & Co che a seconda dell'importo dell'ordine ti da la possibilità di scegliere il tuo regalo. Io ho scelto questo sacchettino di perline multicolore che fanno sempre comodo.


un particolare dei due donut



Al di là delle mie aggiunte all'ordine, ecco in dettaglio cosa comprende la confezione base del Poly-Fast: una testina turchese, dello stesso colore dell'attrezzo (la vedete già inserita nella foto sotto) sulla quale si possono avvicendare i dischetti delle varie grane, cambiandoli con molta attenzione (vi consiglio di usare una carta di credito da passare tra velcro e dischetto) per non rovinare anticipatamente il velcro e 10 dischetti di carta smeriglio per ogni grana a partire dalla 80 che è veramente molto grossa, la 150, 320, 500, 600, 800, 1000 e 1500.
E con questa Box si sarebbe già apposto :) ma ci sono poi vari accessori per rendere il lavoro più fluido, infatti per non dover perdere tempo a staccare e attaccare i vari dischetti su una testina sola, si possono acquistare i set da 3 testine di ricambio di colori diversi per identificare meglio le varie grane. Ora ho 4 testine, quindi posso mettere la grana 600 sulla testina base turchese, la 800 su quella blu e via dicendo così sarà sufficiente cambiare la testine durante il lavoro.


Per essere ancora più utile le testine sono state realizzate in due versioni:

1) quella piatta che ho acquistato io, adatta a superfici piane, ma adattabile anche a quelle bombate.
2) quella con spugnetta, pensata per superfici curve, ideale per perle e cabochons.

In realtà volevo prendere proprio quella con la spugnetta, ma ho sbagliato a caricare il carrello!! Pazienza vorrà dire che farò un altro ordine!!!😂

In ultimo ma non meno importanti, ci sono i ricambi di carta smeriglio fatti appositamente per aderire al vecro delle testine, sono economici sacchetti da 25 pz di tutte le grane che abbiamo visto già comprese nel box più la 2000, ma volendo si può acquistare anche la 2500 e la 3000 per un effetto ancora più lucido.

L'attrezzo è abbastanza maneggevole e leggero, funziona con due batterie stilo ed effettivamente produce una vibrazione abbastanza potete. Si avverte la differenza di intensità a seconda di dove lo si impugna. L'impugnatura corretta è ovviamente sul "manico/vano batterie" dove c'è l'interruttore, le vibrazioni arrivano lo stesso, ma vengono attutite dall'ammortizzatore che separa l'impugnatura dalla testa dove si trova il motore (nella foto in alto si vede la netta divisione tra le due parti e l'ammortizzatore in gomma nel mezzo).

Passare da una grana all'altra cambiando semplicemente la testina è pratico e veloce, pensate se invece, per ogni pezzo di pasta polimerica o resina da lucidare, doveste staccare il dischetto di carta smeriglio dal velcro senza danneggiarlo almeno 4 volte (600-800-1000-1500).
Inoltre per far sì che la carta smeriglio duri più a lungo, è possibile e consigliato utilizzare dell'acqua per bagnare continuamente sia i pezzi da lucidare che la punta (per qualche millimetro) del Poly-Fast.
Il motore si trova verso l'ammortizzatore e quindi è sufficientemente lontano dall'acqua per essere utilizzato in modo sicuro.

Io l'ho provato su delle perle di pasta polimerica (per questo moltivo volevo le testine con le spugnette :) ) che aspettavano da mesi che mi decidessi a lucidarle.
Ho utilizzato grana 600-800-1000 e 1500, per alcune anche la 150 e la 320, e dell'acqua con una goccina di sapone.

Ecco qui, acqua leggermente saponata, asciugamani, un po' di perle varie da lucidare e il PolyFast con le sue testine differenziate


E' stato facile, veloce e pulito, non ho cosparso tutto quello che ho intorno con una coltre malsana di polvere di plastica e quindi non ho nemmeno dovuto usare la mascherina (come succedeva con il Dremel).
Ecco alcune foto del prima e del dopo:

Qui si vedono ancora le mie impronte digitali


Natasha bead a sinistra smerigliata, opaca, la destra al punto di partenza

Nathasha bead di sinistra lucidata con Dremel, la destra ancora al punto di partenza

Disco per lucidatura hand made fatto con panno Ballerina

Dopo averle smerigliate le ho lucidate con il "dischetto" che ho realizzato io per il Dremel, tagliando svariati dischetti dal panno "Ballerina" che si trova in tutti i supermercati.

Ancora un paio di foto delle mie "Pandora Pettinate":
sulla prima si vede la brutta giuntura dei diversi strati di pasta polimerica, sulla seconda dopo smerigliatura e lucidatura, la giuntura è quasi sparita (purtroppo in questo caso anche i colori iniziali) ma ho lasciato un buchino per farvi individuare bene il punto. Su questa perla ho utilizzato le grane 150, 320, 600 etc fino alla 1500! Mi ci sono voluti solo 5 minuti!!!!




Note importanti:
  1. Lasciate riposare l'attrezzo per qualche minuto ogni 15-20 minuti di utilizzo, in modo che il motore non si surriscaldi.
  2. Utilizzate delle buone batterie o meglio ancora attrezzatevi con quelle ricaribili perchè non dureranno a lungo! 
Il primo giorno di prova (dopo un bel po' di tempo di uso intensivo) mi è venuto un colpo perchè ad un certo punto il motore ha cominciato a vibrare sempre meno velocemente, lo vedevo morire a poco a poco, (e già mi stavo maledicendo... )
Ma dopo una mezz'ora di riposo funzionava di nuovo, anche se per meno tempo. Il giorno dopo era pimpantissimo per un paio d'ore e poi nuovamente agonizzava.
Ma non era il motore a non funzionare, erano le batterie che stavano per esaurirsi e dopo un po' di riposo riprendevano, attingendo alle ultime scorte di energia. 
Infatti ho provato a sostituirle con delle nuove e il motore funzionava benissimo!
Ecco perchè vi consiglio batterie ricaricabili 😉

La domanda finale è: "La mia mano destra che ne pensa?"

Beh sicuramente è un gran passo in avanti!!!
Molta più efficacia, in minor tempo e con molto meno sforzo!!

E quella sinistra?
"Beh prima dovevo tenere il pezzo da lucidare molto molto forte affinchè non mi scappasse via schizzando a 200km all'ora per la stanza (il Dremel ha una velocità minima di rotazione che è abbastanza alta). Ora, utilizzando il Poly-Fast per la levigatura, posso stare molto più rilassata in questa fase, e concentrare lo sforzo di tenere il pezzo saldamente, soltanto nella fase della lucidatura, che è velocissima!!

Quindi mi sento tranquilla nel consigliarvelo perché, al di là del piccolo investimento iniziale (il Box costa meno di 50€), vi farà risparmiare sotto diversi aspetti!!
Il vostro TEMPO è prezioso!!
La vostra SALUTE è preziosa!!
Il RISULTATO è migliore!! (almeno per quanto mi riguarda😀)
E poi potete usarlo anche su altre superfici!!

Se avete già il Poly-Fast, fatemi sapere cosa ne pensate!
Se non lo avete... compratelo!!! :) Ne vale la pena!


Questo articolo contiene links di affiliazione
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...